Follow Us
seguici su twitter
Vendi e Guadagna
Iscriviti al Programma di Affiliazione: 10% su ogni vendita, 50 € di Bonus e Pay per Impression!

Come deve essere la testata del letto?

testata letto
Le proposte delle varie aziende sono davvero molto ampie e diversificate, di particolare rilievo sono i materiali con cui la gamma di proposte infinite di letti vengono fabbricate. I letti in metallo sono caratterizzati da testata e pediera variamente decorate, possono essere in ferro battuto od ottone.
I primi richiedono una lavorazione complessa per applicare diversi strati di verniciatura, compreso quello antiruggine.

L’ottone è piuttosto delicato, bisogna fare attenzione che non si graffi e che non diventi opaco. Il legno invece, per supportare al meglio spalle e capo durante la lettura, prevede letti accessoriati con testate dotate di cuscini, talvolta impreziosite da inserti tecnici come led luminosi. Se si sceglie un letto in legno, occorre valutare la resistenza dei materiali e la robustezza delle giunzioni di giroletto e testata. Di solito vengono realizzati in pannelli di multistrato o in compensato impiallacciati di legno pregiato. In alternativa, ci sono quelli in legno massiccio.

Letti ecologici realizzati con materiali naturali

Attuali e di tendenza risultano essere i letti ecologici per coloro che sono particolarmente attenti all’ambiente e voglio dormire immersi nella sensazione unica di appartenere -uomo e ambiente- alla stessa armonia che essi stessi creano. Sono letti completamente in legno e sono assemblati senza alcun utilizzo di viti o elementi metallici, ma solo tramite incastro. Per le finiture si impegnano vernici all’acqua a basso contenuto di solventi. La scelta ultima ricade invece sugli imbottiti i quali presentano testata -e spesso anche il giroletto- ricoperti di tessuto. Se optate per questa scelta ricordate che è sempre meglio verificare che il rivestimento – di solito fissato con il velcro-, sia completamente sfoderabile e facile da togliere e mettere. E’ bene preferire quelli trattati antimacchia e sanforizzati, che non si restringono. Vanno comunque sempre lavati seguendo le istruzioni riportate sull’etichetta: di norma a secco o in lavatrice a 30 °C. Anche se la qualità è ottima, è importante rispettare sempre le temperature indicate.

 

Lascia un Commento